OGGI -30% DI SCONTO SU TUTTO + 30 GG DI PROVA!!!

Cotone Biologico

Cotone Biologico
#cotonebiologico
@approfondimenti
Particolare tipo di cotone coltivato e lavorato nel pieno rispetto della natura.

Il cotone è una fibra vegetale ottenuta dalle capsule mature della pianta del cotone.

La sua lavorazione consente di ottenere un tessuto liscio, soffice e particolarmente traspirante, con una perfetta compatibilità verso l'uomo e l'ambiente.

La pianta è formata da un arbusto alto circa cm. 40, con foglie e fiori di colore rosso o giallo.

Quando il fiore viene fecondato, perde i petali e in 25 giorni cresce una capsula circondata da una foglia chiamata brattea.

La capsula è sostenuta da un calice ed ha una forma a goccia tondeggiante nell'estremità inferiore.

All'interno della capsula ci sono da 5 ad 8 semi su cui si sviluppa la fibra. Quando la capsula è matura si apre in 4 parti mostrando il batuffolo di cotone.

La prima operazione dopo la raccolta è la sgranatura, che permette di staccare le fibre dai semi. Poi il cotone viene cardato e pettinato in modo da eliminare tutte le impurità.

La lunghezza delle fibre di cotone è molto importante commercialmente, perchè si ottengono filati tanto più pregiati quanto più la fibra è lunga.

Le più vaste coltivazioni di cotone si hanno in America, India, Cina, Egitto, Pakistan, Sudan ed Europa Orientale.

La differenza tra il normale cotone ed il cotone biologico sta nel fatto che vengono utilizzati fertilizzanti di origine vegetale ed animale e l’erba infestante viene rimossa manualmente, o con l’ausilio meccanico.

Per combattere invece i parassiti che sono dannosi per la pianta di cotone, non si ricorre a pesticidi chimici, ma ci si rivolge a Madre Natura utilizzando semplicemente insetti antagonisti.

Altro dettaglio importante è che anche le semenze impiegate sono di origine biologica in quanto vengono utilizzate quelle che non hanno subito alcun trattamento chimico da almeno quattro germinazioni.

Ma per ottenere la certificazione di cotone biologico, non basta certo piantare un semino non trattato nel nostro orticello.

E’ necessario infatti un periodo minimo di trentasei mesi nel quale la coltivazione non abbia subito alcun intervento chimico con sostanze non naturali.

I controlli che vengono effettuati in questo arco di tempo, sono piuttosto rigidi e ciò costituisce sicuramente una garanzia per noi consumatori.

Anche per quanto riguarda poi la lavorazione del cotone, sono assolutamente banditi tutti quei prodotti che possono essere potenzialmente nocivi alla nostra salute.

Sostanzialmente la produzione di cotone biologico è sinonimo di produzione rispettosa dell’ambiente oltre ad essere socialmente responsabile.