OGGI -30% DI SCONTO SU TUTTO + 30 GG DI PROVA!!!

Muscoli del Collo

Muscoli del Collo
#muscolidelcollo
@approfondimenti
Quali sono e come funzionano, un lavoro costante in perfetto equilibrio.

La muscolatura deputata al mantenimento in asse della colonna cervicale è rappresentata da quella paravertebrale, ancorata alla colonna e dai muscoli che s'inseriscono sulla porzione più posteriore del cranio (la regione occipitale), garantendo la stabilità posteriore della scapola e della colonna cervicale.

Tra i primi ricordiamo il muscolo lunghissimo del collo ed il muscolo semispinale del collo; tra i secondi lo splenio del capo, il trapezio ed lo splenio del collo.

I muscoli assicurano stabilità alla colonna ed orchestrano i fini movimenti di quel mirabile cilindro che è il collo.

Per garantire un'adeguata postura, con la colonna nelle condizioni di fisiologica lordosi, i muscoli estensori e flessori devono agire in sinergia, lavorando in equililbrio.

In condizioni di asimmetria, che si possono verificare in parecchie situazioni della vita quotidiana, si determina un sovraccarico sui muscoli e sulle articolazioni che causa una risposta di contrazione della massa muscolare, generando quella fastidiosa, spesso "strana" sensazione che definiamo male al collo.

Gli studi più moderni sulla cervicalgia hanno permesso di dimostrare che , nelle persone alle prese con questo noioso dolore, spesso non si trovano alterazioni dimostrabili a carico delle strutture della colonna vertebrale: in realtà, bisogna fare i conti con una situazione fisiologica alterata a carico della componente muscolare.

Spesso, infatti, i muscoli sono contratti cronicamente e in tal modo possono inibire l'attività di altre componenti muscolari, che invece risultano utili allo svolgimento di un'attività dinamica volontaria.

Per questo motivo è consigliabile dormire con un adeguato cuscino cervicale in grado di mantenere o ripristinare una corretta sinergia muscolare.

Muscoli e rispettive funzioni:

  • Digastrico: Estende la testa, abbassa la mandibola;
  • Stiloioideo: Porta l'osso ioide in alto e in dietro;
  • Miloioideo: Sposta in alto e in avanti l'osso ioide;
  • Genioioideo: sposta in alto l'osso ioide ed abbassa la mandibola;
  • Sternoioideo: abbassa l'osso ioide;
  • Omoioideo: Abbassa l'osso ioide;
  • Sternotiroideo: Abbassa la cartilagine tiroide;
  • Tiroioideo: Eleva la laringe;
  • Platisma: Tende la cute del collo;
  • Sternocleidomastoideo: Flette, inclina, ruota la testa;
  • Scaleno: Elevano le coste, inclinano lateralmente la colonna cervicale.
Fonte: "Il grande libro della cervicale" - Rizzoli